14 Marzo 2022

Universi silenziosi

Quel mondo di Universi silenziosi che si schiude solo a chi sa ascoltare

 

Sabato 19 marzo alle 18 si inaugura a Palazzo Branciforte la mostra fotografica di Arianna Di Romano. Un racconto per sguardi e immagini in un luogo denso di storia e di storie: il Monte dei pegni

 

 

Che consistenza ha il silenzio? Come si fa ad accoglierlo, ad ascoltarlo?

Il silenzio è un universo, non la semplice assenza di suono o di voce. Lo sa bene Arianna Di Romano, fotografa nata in Sardegna e tornata alle radici paterne, in Sicilia: due isole che fanno del silenzio una narrazione, dello sguardo un racconto.

La mostra Universi Silenziosi, curata da Gabriele Accornero, che si inaugurerà al Monte dei pegni di Santa Rosalia, a Palazzo Branciforte sabato 19 marzo alle 18, è un percorso di sguardi che travalicano i confini insulari. Sguardi catturati, inaspettati o ricambiati. Il silenzio di microcosmi individuali che diventano il mondo intero. Un ascolto che si fa dialogo tra il fotografo e il soggetto fotografato: nell’intensità di un vecchio sardo, nelle fattezze ricciute di un bambino in cui sembra incarnarsi un puttino di Serpotta.  E in giro per il mondo, perché il silenzio è un linguaggio universale eppure sconosciuto ai più.

 

“Gli scatti di Arianna Di Romano sono un racconto nel racconto all’interno del Monte dei pegni. Un luogo – afferma il presidente di Fondazione Sicilia, Raffaele Bonsignore – denso di storia e di silenzi rappresi, a cui gli artisti che ospitiamo restituiscono di volta in volta voce attraverso la loro sensibilità”.


Ecco che le fotografie di Arianna Di Romano raggiungono i popoli dei villaggi più remoti del sud-est asiatico, i campi profughi e i campi rom della Serbia e della Bosnia, la vita negli agglomerati della Romania e della Polonia, la quotidianità all’interno dei monasteri ai confini con l’Ucraina.
Un corpus imponente, che si snoda lungo 81 foto: universi silenziosi, appunto, di persone, paesaggi, ambienti, animali.

 

“Esporre in un luogo assolutamente straordinario come Palazzo Branciforte è per me motivo di immenso orgoglio professionale oltre di gioia personale. Con Fondazione Sicilia – spiega Arianna  Di Romano - abbiamo concepito un allestimento minimale, rigoroso e allo stesso tempo rispettoso degli spazi del Monte di pietà, ottenendo un’atmosfera e ambientazione eccezionali”.

 

“A una lettura esterna e tecnica si rinvengono nelle fotografie di Arianna Di Romano  molte influenze: Elliott Erwitt e Robert Doisneau per la poesia e la composizione – conclude il curatore della mostra, Gabriele Accornero - Sebastiao Salgado per il trattamento dell’immagine, il cileno Sergio Larrain per l’attenzione agli ultimi, Dorothea Lange per il personaggio. La dimensione del silenzio è molto forte, ma non quello arido e vuoto: al contrario quello della pace e della quiete della dimensione dello stare in contrapposizione a quella frenetica del fare, quella dell’essere rispetto a quella del possedere”.

 

La mostra resterà fruibile fino al 19 giugno.